immagine di modus operandi assistenza sociale

STOP AGLI ABUSI DELL’ASSISTENZA SOCIALE!

Analizziamo bene il modus operandi dei Servizi Sociali, nello specifico di FAMIGLIE, MINORI, ETA’ EVOLUTIVA.

Questa MOSTRUOSA ISTITUZIONE, dalla maggioranza delle statistiche non solo nazionali italiane,nord Europa per esempio, piu’ che AIUTARE, intensifica ancor di piu’ I DISAGI FAMILIARI, se non addirittura, arriva alla DISTRUZIONE delle famiglie.

E soprattutto a danno, dei bambini,ragazzi.

MA COME OPERA ESATTAMENTE?

Il MODUS OPERANDI dei Servizi Sociali, nell’ambito familiare, minori, eta’ evolutiva,per portare LA RAGIONE dalla propria parte, e SCREDITARE la genitorialita’, poggia il suo operato, su 3 cardini:

LA MOSSA DEL 2,

LA DISTORSIONE DEI FATTI,

LA FALSIFICAZIONE DEI FATTI.

Vediamo bene questi 3 elementi.

Normalmente la meccanica di ACQUISIZIONE DATI RIGUARDANTI UNA FAMIGLIA, avviene sempre in COLLOQUI VERBALI, inizialmente.

Tralasciamo per questo articolo, il fatto a priori, per cui una famiglia viene convocata dal Servizio, che tratteremo piu’ esaurientemente, in una prossima esposizione.

ALLORA:

la famiglia viene convocata, e si parla.

MA…ATTENZIONE!:

come modus operandi dei Servizi Sociali, quando si viene accolti, LE PERSONE SONO SEMPRE 2!

Normalmente vi e’ l’ASSISTENTE SOCIALE, e LO PSICOLOGO, ma non sono MAI meno di  2.

E dopo circa 20 anni di esperienza con il settore, si arriva a pensare che LA MOSSA DEL 2, sia anche ai fini di TESTIMONIANZA GIURIDICA, in caso di OPPOSIZIONE delle famiglie, riguardo ai dati riportati nelle relazioni.

(in pratica, per SOLIDARIETA’ PROFESSIONALE, uno puo’ SMENTIRE l’altro,e viceversa)

Durante le sedute, vengono presi appunti, sulle risposte date.

Ma come mai poi, quando piu’ avanti ci si ritrovera’ in Tribunale, nelle relazioni  trasmesse, i dati, le informazioni che la famiglia riporta,dice, dichiara…..NON SONO GLI STESSI?

Portiamo un esempio REALE,per conoscenza DIRETTA della situazione, da parte di CATTIVA EDISON:

madre e figlia, in un ESTATE TORRIDA scelgono di dormire in un ampio divano, in un salotto, per questione di FRESCO, e perche’ il giro d’aria, e’ maggiore che in camera da letto.

(la casa non possiede UN CONDIZIONATORE CLIMATICO per scelta della signora, ma come vedremo piu’ avanti, nell’immagine esposta sotto, anche questo secondo quanto riportato dei Servizi Sociali, potrebbe rientrare come elemento di: RISCHIO DI PREGIUDIZIO sulla CAPACITA’ GENITORIALE,o TUTELA DEL MINORE)

Dopo l’estate, anche per questioni economiche di riscaldamento, ma soprattutto per COMODITA’, ( bagno vicino, televisione, cucina vicina per bisogno d’acqua nottturno)…le 2  di comune accordo, decidono di continuare a dormire sul divano.

Tramite visita domiciliare, questo dettaglio, viene visto, evidenziato, constatato dai Servizi,

e ampiamente PALESATO VERBALMENTE da madre e figlia, come una situazione soprattutto di GRAN COMODITA’, tutto sommato.

Il Servizio Sociale, riferisce questo al Tribunale:

immagine del modus operandi dei servizi sociali

Parte di una relazione dei Servizi Sociali ( relatrice, Dott.ssa I.B, ULSS 6 EUGANEA)

 

E, se qualsiasi persona cogliesse il significato testuale di suddette affermazioni,

( senza verificarle personalmente) si evidenzierebbe non solo una MADRE PSICOPATICA, ma anche di una SADICA, che costringe la propria figlia, a dormire su una poltrona, con la madre appiccicata sopra.

Oltre poi al fatto che la Dottoressa Baldin, nel documento sopra esposto, ha citato anche qualcosa come:

SANE DISTANZE,CHE NON RIESCE A PRENDERE NEI CONFRONTI DELLA FIGLIA…..

che se fosse in base a questa diagnosi materna, la ragazzina NON DOVREBBE ANDARE NEMMENO A SCUOLA! O INCONTRARSI CON I COMPAGNI DI SCUOLA!…o ALTRE ATTIVITA’ SOCIALI.

Almeno cosi’ risulta da quel che  dice la dottoressa, anche se nella REALTA’, non e’ RISCONTRABILE.

E in tutto cio’, non vi e’ solo DISTORSIONE DEI FATTI VISTI (visto che il divano per OGGETTIVITA’ e’ ampio, e atto a contenere 2 persone di media/piccola corporatura, per esempio)

ma vi e’ inoltre, UNA FALSA INTERPRETAZIONE di PSICOLOGIA COMPORTAMENTALE MATERNA, atta a SCREDITARE la capacita’ genitoriale, onde ottenere CONSENSI con il Tribunale, giacche’ LE 2 STESSE , rimarcato anche dalla minore (12 anni!!!) avevano dichiarato che:

DORMIRE  IN DIVANO, PER QUESTIONI DI COMODITA’, E’ LA COSA PIU’ BELLA DEL MONDO! (e per tutta la serie di motivi, enunciati sopra)

Oltre che FALSIFICAZIONE DEI FATTI OGGETTIVI, in quanto questo divano, risulta essere… non proprio per SINGOLA PERSONA.

 

 

E questo e’ solo un piccolo,piccolissimo esempio, di com’e’ IL MODUS OPERANDI dei Servizi Sociali.

Giusto a far vedere che, questa istituzione, quando vuole CONFUTARE LA CAPACITA’ GENITORIALE, si attacca anche ai dettagli (tutto sommato) NON IMPORTANTI, per elaborare FALSE RELAZIONI, e FALSE DINAMICHE COMPORTAMENTALI.

CATTIVA EDISON, per finire questa esposizione, RICORDA SEMPRE, di tenere a mente, I 3 CARDINI FONDAMENTALI del modus operandi dei Servizi Sociali, qualora si avesse a che fare con essi.

Anche se si presentano NEL MIGLIORE DEI MODI, perche’ possono essere MOLTO ACCATTIVANTI, MOLTO CONVINCENTI.( per dialettica, parlantina, modo di parlare)

Basta sempre osservare, anche al primo colloquio, se si verifica IL PRIMO dei 3 CARDINI FONDAMENTALI.( la mossa del 2)

E in prossimi articoli, verrà precisato inoltre:

COME DIFENDERSI, QUALI STRATEGIE USARE PER DIFENDERSI DALLE LORO FALSITA’, E FALSI RIPORTI , partendo dai primi apparentemente, semplici colloqui.

(che poi, molto spesso, SFOCIANO, in autentiche, tragedie, o distruzioni familiari.E per di piu’ tutelate anche dallo Stato, e dalla Giustizia Minorile)

Barbara (redattrice di CATTIVA EDISON)

(e se e’ piaciuto, mai dimenticare UN LIKE prima di andarsene)

E per tutti i PRODOTTI AMAZON, si ricorda sempre lo speciale programma di spedizione AMAZON PRIME: tutto, subito, e direttamente a casa!